Le talpe glabre come modello

Talpa GlabraCome fanno a vivere in condizioni così povere di ossigeno?

Stavolta un aiuto a migliorare le conoscenze sui sistemi di cura non ce lo danno gli amici roditori nati in laboratorio ad uso e consumo delle ricerche ma l’osservazione di un certo tipo di talpa, orrenda a vedersi, una talpa spelacchiata che però riesce a vivere in ambienti con altissima percentuale di anidride carbonica nella respirazione.

Il roditore in questione si chiama eterocefalo glabro: Heterocephalus glaber. La sua capacità di sopravvivere in situazioni con alto tasso di acidità che altri mammiferi troverebbero intollerabili sono diventate oggetto di curiosità scientifica. Se lo fanno loro, gli uomini debbono trovare il modo di poterli imitare (non nell’aspetto o se assumere quell’aspetto è il costo di tanta capacità a resistere in ambienti così impervi, bisognerebbe fare una consultazione col diretto interessato prima di somministrargli le stesse qualità).

La ricerca parla di una caratteristica evoluta nel tempo che deve suggerirci qualcosa di importante. Con il problema delle emissioni e l’aumento dei gas serra pensare a questa soluzione sarebbe un provvedimento ancora peggiore del male. Ma in effetti capire le capacità di questi animali aiuta in contesti più ordinari. Si pensi che il dolore di una ferita è quasi totalmente causato da acidificazione dei tessuti compromessi.

Fonte: Plos One

Ti potrebbe interessare anche leggere:

Lascia un commento

  

  

  

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Iscriviti al Feed RSS

Ricevi tutti gli aggiornamenti via e-mail:

Spazio ai lettori

Riceviamo e Pubblichiamo - Invia la tua segnalazione alla Redazione di Cittadini e Salute

Ritrovaci su Facebook

Meteo